Incidenti stradali
Infortuni sul lavoro
Responsabilità mediche
10/11/2013
kit plafoniera led acquario dolce
kit plafoniera lampada led acquario dolce ebay led 1w 350ma royal blue 7000k costruire driver led 300ma


18/02/2013
Facoltatività Indennizzo Diretto
Il Tribunale di Torino boccia la chiamata del terzo non responsabile.


04/02/2013
Si al danno morale ed esistenziale in aggiunta a quello biologico
La Suprema Corte "ancora una volta" chiarisce l'equivoco sorto dopo le sentenze gemelle di San Martino(equivoco cavalcato unilateralmente dalle lobby assicurative)confermando che il danno morale non è compreso in quello biologico e va sempre risarcito nella misura massima di 2/3 del biologico. Ciò anche nell'ipotesi di micro-permanenti di cui al'art.138 e 139 del codice delle assicurazioni. La stessa autonomia risarcitoria è riservata (ove provato) al danno esistenziale. In definitiva La Cassazione ha esplicitamente chiarito una volta per tutte l'assoluta autonomia risarcitoria delle tre voci di danno (biologico - morale - esistenziale) singole voci che rientrano nella categoria del danno non patrimoniale. Al contrario di quello che hanno fatto le compagnie assicurative che, sfruttando il suddetto equivoco, hanno distorto e interpretato al loro vantaggio sostenendo che tutte le voci di danno erano ricomprese in quello biologico. In quattro anni chi sa quanti milioni di euro hanno risparmiato ai danni delle vittime della strada.


02/02/2013
Legge sulle professioni intellettuali non ordinistiche
Dopo il riconoscimento UNI (grazie all'impegno del presidente Berloffa di CNA e il nostro presidente Cipriano)ecco finalmente la legge che riconosce e regola l'attività di consulente infortunistica stradale o patrocinatore stragiudiziale (ma anche tutte le altre numerose attività sin ad oggi non regolamentate.


25/10/2012
La Consulta boccia la MediaConciliazione


25/10/2012
Tabella Micro-permanenti anche x responsabilità mediche
Lo strapotere politico delle lobby assicurative oramai non ha più limiti. Infatti, non contente del regalo ottenuto con la modifica dell'art.139 del codice delle assicurazioni (non pagheranno più i colpi di frusta, ma non solo anche danni più gravi come i traumi cranici, danni psichici ecc. ecc.)Adesso mirano a far ridurre i risarcimenti anche per i danni derivati da responsabilità professionale medica. Il decreto "Balduzzi" infatti prevede, tra le altre cose, l'applicazione delle tabelle risarcitorie previste dalla legge speciale della responsabilità civile automobilistica che, come noto, sono riduttive della metà del danno. Con questa scusa potranno anche mettere mano alla tabella delle cosi dette Macro-lesioni, e ridurre cosi finalmente (ci avevano già provato tempo fà ma sono state stoppate)anche il risarcimento per le lesioni gravi e chiudere definitivamente il cerchio. Mi domando "ma le associazioni in difesa dei consumatori" cosa stanno facendo??


26/10/2012
"Patrocinatore Stragiudiziale" finalmente è realtà
Un caloroso ringraziamento al nostro presidente Luigi Cipriano che, con il prezioso aiuto del Prof. Giorgio Berloffa, è riuscito a far normare (manca solo la numerazione e la pubblicazioneda parte dell'UNI) la nostra attività. Il risultato è ancor più straordinario perchè la nostra, fra le oltre 100 professioni non ordinistiche in attesa di regolamentazione, è stata la prima ad essere riconosciuta.


13/09/2012
Lettera della AIFVS al Ministro Passera per l'approvazione della tabella Milanese


04/04/2012
l'ANIA non perde tempo e "suggerisce" a tutte le imprese di non pagare non solo i postumi lievi, ma anche la temporanea e le spese mediche


03/02/2012
Stop a risarcimento in forma specifica


GIUSTIZIA (2ª)

MERCOLEDÌ 1 FEBBRAIO 2012

288ª Seduta (2a pomeridiana)

Presidenza del Presidente

BERSELLI



IN SEDE CONSULTIVA

(3110) Conversione in legge del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività



La Commissione approva quindi all'unanimità le condizioni relative agli articoli 32 e 43 nonché, a maggioranza, la proposta di parere contrario sugli articoli 9 e 29 e dà mandato ai senatori Galperti e Mugnai di redigere la formulazione definitiva sulla base della discussione e degli esiti della votazione.



PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE SUL DISEGNO DI LEGGE N. 3110

La Commissione, esaminato per quanto di competenza il provvedimento, esprime parere favorevole con le seguenti condizioni:



E parere contrario sugli articoli 2, 9 e 29.



…con riferimento all'articolo 29 ritenendo vessatorie ed ingiustamente lesive dei diritti del danneggiato le previsioni della norma.





SCHEMA DI PARERE PROPOSTO DAI RELATORI SUL DISEGNO DI LEGGE N. 3110

La Commissione, esaminato per quanto di competenza il provvedimento, esprime parere favorevole con le seguenti condizioni:



con riferimento all'articolo 29,

che sia previsto come meramente facoltativo il risarcimento del danno in forma specifica e che sia soppressa la decurtazione del trenta per cento della somma spettante a titolo di risarcimento del danno per equivalente;



per quanto riguarda la lettera a) del comma 3 dell'articolo 32, che sia soppresso l'obbligo di mettere a disposizione per l'accertamento "per cinque giorni consecutivi non festivi" le cose danneggiate al fine di consentirne l'ispezione diretta ad accertare l'entità del danno;

__________________________________________________________





15/12/2011
Termina l'esilio del danno morale - Finalmente la Cassazione, in modo chiaro ed univoco, ne stabilisce la risarcibilità in forma autonoma


02/12/2011
Camera dei Deputati stoppa Decreto Macro-lesioni, Proposta per attuazione Tabella di Milano


08/11/2011
Scandalosa audizione ANIA al Senato


02/11/2011
Prof. Zuppichini Franco, punta di diamante tra i collaboratori esterni dello Studio GM, intervistato dal quotidiano La Nazione


27/10/2011
R.C. auto, rimborsi e truffe, come la pensano le compagnie assicurative
Rc Auto: rimborsi,truffe e regole nodi da sciogliere per taglio tariffe - FOCUS

Il 13mo Annual Assicurazioni del Sole fa il punto su settore (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 19 ott - Le banche stanno entrando nel settore dell’Rc Auto, le Poste ci stanno pensando, la distribuzione diretta cresce, ma non sara’ questo a risolvere i mali tutti italiani dell’assicurazione auto, che fa infelici sia gli assicurati, per le tariffe piu’ alte di Europa, sia le compagnie, che negli ultimi anni hanno accusato sul ramo perdite rilevanti. I rappresentanti delle compagnie ed esperti di settore hanno fatto il punto sul tema nel corso del 13esimo Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore che, guardando al futuro del mercato, si e’ concentrato sulle polizze obbligatorie Auto che di fatto rappresentano ancora gran parte delle coperture assicurative di una popolazione italiana rimasta per il resto sostanzialmente sottoassicurata. Dalle parole degli assicuratori emerge un settore da rinnovare profondamente: “In Italia i rimborsi sono i piu’ elevati d’Europa - ha sottolineato Camillo Candia, rappresentante per l’Italia di Zurich Insurance - Servirebbe cambiare le regole: chiedere evidenze radiologiche per pagare i colpi di frusta o la messa a disposizione delle auto per verifiche prima della riparazione basterebbe a prevenire le frodi, a far calare i rimborsi e quindi i premi”. “Cambiamo la regolamentazione, diamo maggior attenzione ai cittadini onesti e al costo dei servizi che vengono prestati”, ha fatto eco Alessandro Scarfo’, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo Assicura, e Alessandro Santoliquido, direttore generale di Sara Assicurazioni ha valutato in 50-75 euro a polizza il taglio di tariffa possibile con l’adozione definitiva delle nuove tabelle sui danni fisici varate in Parlamento. Provocatorio Vittorio Verdone, direttore Auto dell’Ania, che ha proposto di introdurre la possibilita’ di franchigie fino a 1.500-2.000 euro che farebbe sparire dal mercato la massa dei rimborsi “gonfiati”. Che l’auto sia un settore delicato si e’ visto anche in un mercato evoluto come quello britannico, dove il successo dei cosi’ detti “aggregator” ha consentito agli assicurati di sfruttare la concorrenza spuntando le tariffe migliori, ma ha portato il settore a una perdita tecnica di 30 euro ogni 100 euro di premi incassati. Anche questa esperienza ha portato Santoliquido ad una previsione cauta sull’effetto dell’ingresso delle banche sul mercato italiano dell’Rc Auto: “In molte all’inizio si faranno male, ma alcune avranno successo”. Le banche dovranno comunque affrontare il mercato con prodotti e servizi diversi rispetto alle compagnie tradizionali, ha sottolineato Scarfo’, reduce dai primi mesi di sperimentazione di polizze Rc Auto attraverso gli sportelli di Intesa Sanpaolo. E della necessita’ di un cambiamento importante dell’offerta commerciale e dei servizi da parte delle compagnie ha parlato piu’ in generale Maria Bianca Farina, amministratore delegato di Poste Vita e Poste Assicura che ha rilevato la necessita’ di “prodotti che rispondano a bisogni effettivi a prezzi accessibili per tutti e servizi efficaci in fase di liquidazione sinistri”. Qualcosa comunque si sta muovendo, come appunto le nuove tabelle sui danni fisici in arrivo o la banca dati anti-frode presso l’Isvap, iniziativa al centro di tensioni tra l’Authority e le compagnie per l’insufficiente qualita’ dei dati forniti, che ha dato il via a multe salate. Accolta poi positivamente l’intenzione, avanzata ieri dal presidente dell’Isvap Giancarlo Giannini, dell’apertura di un tavolo per la semplificazione delle regole ritenute dagli esponenti di mercato troppe e troppo penetranti, come rilevato dal vicepresidente dell’Ania Aldo Minucci. Sullo sfondo, l’introduzione delle nuove regole di Solvency 2 che “e’ alle porte. Quella del primo gennaio 2013 e’ una data credibile”, ha detto il vice direttore generale dell’Isvap Flavia Mazzarella. Per le compagnie “cambiera’ il mondo - ha detto - e dovranno capire come muoversi”. Chm (RADIOCOR) 19-10-11 18:51:09 (0387) 5 NNNN


STUDIO GM - Via Adua 2/D 22036 Erba(CO) - Tel. e Fax: 031/3338335 - P.IVA 02343490138 - AUTORIZZAZIONE QUESTURA COMO N. CAT. 13/B/98
Professione esercitata ai sensi della legge 14 gennaio 2013 n.4

Developed by DbLan GROUP